Parlare di acciaio significa parlare di un materiale che soddisfa a pieno titolo i parametri di “sostenibilità ambientale”, tra i quali si annoverano durabilità e riciclabilità. L’acciaio è da considerarsi un materiale sostenibile, in quanto può contare su entrambi i fattori:

  • è durevole, ovvero rimane funzionante senza eccessive operazioni di manutenzione o riparazioni, nelle condizioni normali del suo ciclo di vita;
  • è riciclabile, o meglio, è il materiale più riciclato nel mondo, con 14 tonnellate riciclate al secondo.

Il riciclo dell’acciaio è possibile dopo che lo stesso ha esaurito le proprie funzioni strutturali. Questa operazione consente il recupero del 100% dell’acciaio di partenza (senza che lo stesso perda alcuna proprietà). Nel caso dei profili, è possibile il recupero del 99% dell’acciaio in quanto facilmente separabile dagli altri materiali.

L’Italia, in questo senso, è una protagonista. Lo conferma quanto segnalato dalla Fondazione Promozione Acciaio, che la rileva come primo Paese europeo per riciclo di rottame ferroso con una media di circa 20 milioni di tonnellate annue di materiale che viene rifuso nelle acciaierie nazionali.

L’acciaio, dunque, contribuisce in modo significativo alla conservazione delle risorse naturali.

Un ruolo altrettanto importante lo riveste nella realizzazione degli impianti energetici, con un’attenzione particolare agli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Secondo uno studio effettuato dall’ufficio studi di Siderweb (portale della siderurgia) entro il 2030 saranno assorbiti circa 305 milioni di tonnellate d’acciaio, suddivise in diverse tipologie. Circa il 40% sarà destinato alle energie rinnovabili.

Da questo deriva che l’importanza maggiore che l’acciaio potrà avere nei prossimi anni sarà proprio per la costruzione di impianti per l’autoproduzione di energia: da quelli eolici alle biomasse, al fotovoltaico soprattutto nel solare termodinamico, oltre al suo impiego nell’idroelettrico e nella geotermia.

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here