Da oggi per sapere come e quanto si spende per i propri elettrodomestici è sufficiente un unico piccolo dispositivo. Si tratta di NED. Basta solo collegarlo al quadro elettrico… e il gioco è fatto!

A idearlo e svilupparlo è stata Midori, PMI innovativa incubata all’I3P del Politecnico di Torino, nata nel 2011 per realizzare e vendere servizi avanzati di analisi energetica.

Grazie ai ricavi generati fin dal primo anno di attività, l’azienda ha potuto finanziare lo sviluppo delle tecnologie che sono alla base di NED, dispositivo in grado di misurare e controllare i consumi degli elettrodomestici.

Il simpatico dispositivo assomiglia a un piccolo “Smile”. A differenza della maggior parte delle soluzioni di monitoraggio energetico attualmente sul mercato, composte da strumenti di misura (Smart Plug) da collegare ad ogni elettrodomestico, NED si collega facilmente al quadro elettrico di casa.

Una volta installato e collegato al contatore, è in grado di connettersi contemporaneamente con tutti i dispositivi di casa, monitorarne i consumi e, attraverso una applicazione per smartphone, fornire l’accesso a un’ampia gamma di servizi.

Una volta operativo, il dispositivo si mette in ascolto, per individuare le impronte elettriche dei principali elettrodomestici. «Grazie a una frequenza di campionamento molto alta, NED raccoglie numerosi dati, che incrociati con le diverse modalità di assorbimento energetico dei vari elettrodomestici, gli permettono di imparare a riconoscere i differenti dispositivi» spiega Christian Camarda, CEO di Midori.

Via App NED è anche in grado di tracciare una timeline dei carichi giornalieri registrati. Questo consente di evidenziare consumi eccessivi e anomalie elettriche, con la conseguente possibilità di avvertire di eventuali guasti degli elettrodomestici, suggerire tariffe energetiche più convenienti sul mercato o modelli più performanti di elettrodomestici.

Oltre a monitorare e registrare i consumi, NED può fornire pratici consigli per arrivare a risparmiare sulla bolletta fino al 20 per cento all’anno.

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here