E’ interamente in bamboo l’innovativo ed elegante progetto che ha vinto uno dei nove premi del Resilient Homes Design Challenge lanciato dalla World Bank per trovare soluzioni in grado di arginare gli effetti devastanti del cambiamento climatico.

“Core House” è il nome del progetto, che è stato realizzato al Politecnico di Torino da un team coordinato dalla studentessa colombiana Laura Munoz Tascon. Una risposta a basso costo ed elevata sostenibilità in grado di rispondere al crescente numero di calamità naturali che colpiscono il pianeta.

La casa è infatti realizzata interamente in bamboo, un materiale da costruzione di gran lunga più resistente di qualsiasi essenza vegetale e più leggero del cemento armato e dell’acciaio, flessibileadattabile, esteticamente variegato ed ecosostenibile.

La casa è autocostruibile ed è stata pensata per resistere alle inondazioni nei paesi soggetti a questo fenomeno meteorologico che, con i recenti cambiamenti climatici, è sempre più frequente e caratterizzato da sempre maggiore intensità.

Il galleggiamento è garantito da un sistema di galleggianti realizzati con materiali di recupero, che consentono alla casa di sollevarsi fino a un metro e mezzo dal suolo. In questo modo la casa non viene né distrutta né portata via, ma riesce ad adattarsi al flusso ondoso galleggiando.

Dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, l’uso del bambù apre le porte a diversi sviluppi futuri e potrebbe consentire la realizzazione d’infrastrutture molto economiche, ecosostenibili nella lavorazione ed energeticamente efficienti. E’ adatto per l’autocostruzione di manufatti leggeri, poiché:

  • è incredibilmente versatile e sostenibile
  • cresce molto rapidamente – sino a 120 cm nell’arco di 24 ore
  • con un aumento di 10–30% di biomassa annuale rispetto al 2–5% per gli alberi, il bambù può produrre sino a 20 volte più legname rispetto agli alberi di una stessa area
  • è estremamente forte in rapporto al suo peso e può essere utilizzato sia strutturalmente che come materiale di finitura.

 


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here