Manager, dirigenti di aziende ed esperti si sono confrontati nel corso della mission “FuturAbility”, dove hanno delineato i trend di maggiore impatto per i prossimi tre anni, con focus su smart working, retail e sanità.

Nei prossimi tre anni si rivoluzionerà il nostro modo di vivere la quotidianità, tra mobilità e servizi, ma anche il modo di lavorare. In linea generale, ci si aspetta una maggiore diffusione dello smart working, sebbene in misura ridotta rispetto a quanto auspicato. Ad oggi, infatti, la cultura aziendale delle PMI vede ancora la presenza in sede dei lavoratori ed i risultati si misurano solo in base al tempo dedicato al lavoro, non all’effettivo successo.

I manager intervistati hanno riconosciuto altri segmenti che si evolveranno concretamente sull’onda della digitalizzazione, come il pagamento elettronico e via smartphone, il quale diventerà un vantaggio strategico per i merchant. Anche l’accesso on demand a beni e servizi, evitando il reale possesso, continuerà a crescere e si svilupperà anche in settori come automotive, abbigliamento ed elettrodomestici. Saranno gli utenti più giovani a favorire questo trend mentre, in maniera opposta, si svilupperanno anche i negozi ibridi, ovvero in grado di ampliare la gamma di prodotti e servizi offerti a seconda dell’esigenza del cliente.

Ciò che maggiormente influenzerà il futuro e la digitalizzazione, sarà dunque l’efficienza del tempo come risorsa.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here