Tra i lavoratori della generazione 4.0 è diffusa una sensazione di malessere generale legata ad una stanchezza cronica senza però che sia ripagata da risultati concreti. Secondo Yves Morieux, Senior Partner e Managing Director di BCG (Boston Consulting Group) non si tratta soltanto di una sensazione, ma di un reale problema dimostrato.

Dagli studi condotti, sembra che i manager passino dal 40% all’80% del loro tempo impiegati in attività complesse, le quali, tuttavia, non portano valore aggiunto. Da qui si è sviluppata l’idea di “rimettere i manager al lavoro“. Morieux sostiene che ad ogni rivoluzione industriale si è sempre associata ad una conseguente rivoluzione organizzativa, in quanto le nuove tecnologie non possono essere sfruttate al meglio se il modo di lavorare non vi si adatta.

In questa rivoluzione digitale, anzitutto, bisogna vedere positivamente la tecnologia. LIntelligenza Artificiale funziona da moltiplicatore delle capacità umane e quindi sarà guidata dall’uomo. Affinché sia efficace, il passo più importante è quello di ragionare come una squadra: i lavoratori devono diventare cooperatori.

Per affrontare al meglio la trasformazione digitale gli step da seguire sono:

  • Consapevolezza, è necessario sapere cosa fa realmente ogni membro del team;
  • rafforzare l’integrazione tra i lavoratori;
  • aumentare il potere dei singoli in maniera progressiva;
  • aumentare la reciprocità, così da stimolare l’autoregolazione interna;
  • rendere i collaboratori consapevoli del loro impatto sull’andamento futuro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here