Le energie rinnovabili sono positive anche per l’economia, cresce infatti l’occupazione nel settore

Le energie rinnovabili fanno bene non solo all’ambiente, ma anche all’economia mondiale, facendo crescere l’occupazione. Il dato di maggior risalto emerso dal report annuale di International Renewable Energy Agency (IRENA) è il numero di addetti occupati dal settore delle rinnovabili: 11 milioni di persone nel mondo, di cui il 60% in Asia.

Dal rapporto emerge come le energie rinnovabili si stiano lentamente diffondendo anche in paesi dove non è un’attività così radicata, a differenza di UE, Cina e USA. L’export di pannelli fotovoltaici cinesi è stato sostenuto anche da altri paesi del Sudest asiatico e, contestualmente, Vietnam, Malesia e Thailandia hanno registrato un notevole aumento nel numero degli addetti occupati nel settore.

Il fotovoltaico in particolare è il comparto che maggiormente produce occupazione, con 3,6 milioni di addetti nel mondo. Il numero di addetti è cresciuto in particolare in paesi come India, Brasile e in generale nel Sudest asiatico; in contrasto, è invece diminuito in Cina, Usa, Giappone e UE.

Rispetto alle altre energie rinnovabili, l’occupazione si distribuisce come di seguito:

  • Biocombustibili e energia idroelettrica, circa due milioni di persone occupate;
  • Eolico (specialmente onshore è a più alta densità occupazionale), 1,2 milioni di addetti;
  • Energia solare termica, 800mila occupati;
  • Energia delle biomasse solide, settore che impiega 787mila addetti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here