Resistenti quando serve davvero: le nuove telecamere con grado di protezione IP 65/67 garantiscono un funzionamento affidabile da -40 °C

    Grazie al range esteso di temperatura da -40 °C a 70 °C, le nuove telecamere della serie CX con grado di protezione IP 65/67 sono ideali per applicazioni impegnative in condizioni estreme.

    I modelli selezionati eliminano la necessità di unità di raffreddamento o riscaldamento aggiuntive e quindi facilitano l’integrazione termica, risparmiando tempo e costi di sistema. L’housing con grado di protezione IP 65/67 protegge tutti gli elementi sensibili della telecamera contro lo sporco, i getti d’acqua e perfino l’immersione di breve durata e rende superflua una protezione aggiuntiva. Inoltre, il sistema brevettato di tubi modulari con un numero variabile di tubi di prolunga consente di adattare rapidamente la protezione agli obiettivi con grande flessibilità. Le nuove telecamere IP con sensori CMOS Sony Pregius e ON Semiconductor PYTHON dispongono di un’interfaccia GigE Vision compliant e sono disponibili con sei risoluzioni da 1,3 a 12 megapixel.

    Quattro uscite optoisolate con modulazione di larghezza d’impulso e potenza di uscita massima di 120 W (48 V / 2,5 A) consentono il controllo diretto delle unità di illuminazione ed eliminano la necessità di controllori esterni, come richiesto ad esempio nell’ispezione superficiale 3D con tecnica shape-from-shading.
    L’housing compatto da 40 × 40 mm con attacco M3 per lato sopporta urti fino a 100 g e vibrazioni fino a 10 g. Grazie al peso leggero di soli 137 g in combinazione con il connettore M12, le telecamere consentono soluzioni affidabili con un solo cavo Power over Ethernet (PoE) e sono quindi la scelta perfetta per applicazioni nella robotica, ad esempio nell’industria automobilistica. La superficie fortemente anodizzata della telecamera elimina la necessità di una protezione aggiuntiva, il che la rende perfetta anche per l’industria alimentare, del beverage e farmaceutica.

    La serie CX comprende ora telecamere IP 65/67 con la massima flessibilità applicativa grazie a una selezione tra oltre 70 telecamere CMOS standard con risoluzioni da VGA a 12 megapixel. I sensori Pregius di Sony seconda generazione offrono tempi di esposizione fino a 1 μs e rendono le telecamere ideali in applicazioni ad alta intensità di luce come la saldatura laser o in attività ad alta velocità come il pick and place, per ridurre al minimo la sfocatura. Le telecamere CX con sensori PYTHON ON Semiconductor PYTHON consentono di acquisire  più di 1000 fotogrammi/s in base al ROI (Region of Interest). Se utilizzate in combinazione con i modelli GigE in modalità burst e con un Sequencer in grado di acquisire sequenze di immagini con impostazioni correlate all’immagine, le telecamere offrono soluzioni praticamente illimitate, anche in applicazioni altamente dinamiche.

    Maggiori informazioni su: www.baumer.com/cameras/IP65-67/

    Foto: Le nuove telecamere CX con grado di protezione IP 65/67 sono resistenti alla polvere, ai getti d’acqua e a condizioni di temperature estreme da -40 °C a +70°C.

    • TAGS
    • funzionamento affidabile
    • grado di protezione
    • integrazione termica
    • nuove telecamere
    • raffreddamento
    • riscaldamento
    • saldatura laser
    • sfocatura
    • telecamera
    • telecamere
    • tubi modulari